Intelligenza artificiale: Apple acquista init.ai

Apple, in ambito di intelligenza artificiale, sta facendo dei passi da gigante. Sia chiaro che quello che affermo deriva soprattutto dal fatto che adesso, oltre al team che attualmente lavora per migliorare Siri adesso ci sarà una nuova startup (acquistata in questi giorni) che promette delle migliorie davvero sostanziali su tutti i sistemi operativi che supportano Siri.

intelligenza artificiale init.ai

La grande Mela ultimamente sembra voglia investire parecchio sulle startup o piccole aziende. Nei giorni passati vi abbiamo parlato della sua ultima vittoria in ambito dell’intelligenza artificiale e delle foto con l’acquisto della startup francese Regaind, nota soprattutto per le sue grandissime analisi delle foto e del riconoscimento facciale ed emotivo.

Oggi sul web si è diffusa una nuova notizia su un secondo acquisto fatto a distanza di pochissime settimane, se non giorni grazie ad un report di TechCrunch dove viene affermato che Apple ha concluso l’acquisto di init.ai e questa permetterà una migliore integrazione dei dati degli utenti con Siri per permettere un servizio ancora più personalizzato e indispensabile nella vita di tutti i giorni.

TechCrunch, citando alcune fonti interne ad Apple e Init.ai, crede che non tutti i dipendenti lavoreranno allo stesso progetto. Alcuni, infatti, pare che lavoreranno ad un progetto non ancora noto per scoprire nuove funzioni sull’intelligenza artificiale. Detto ciò sappiamo che non è prevista nessuna migrazione dei dati dei clienti o nessun cambio drastico dell’assistente vocale Siri, almeno non apparente.

Se ci dovessimo affidare ai dati dell’azienda presenti su LinkedIn sapremmo sicuramente che i dipendenti in tutto sono sei e che quindi ognuno di loro ha una caratteristica ben precisa per mandare avanti un progetto sull’intelligenza artificiale.

Keith Brisson, uno dei fondatori di init.ai, ha rilasciato dopo il WWDC del 2016 una dichiarazione in cui ha affermato che il suo stato d’animo fosse contemporaneamente emozionato, deluso e che il tutto relativo a ciò che venne detto su Siri era esageratamente scontato.

Appleinsider, altro noto sito sul mondo Apple che in passato ha svelato alcuni rumors che successivamente sono divenuti veritieri, afferma di non poter dire con certezza che Apple abbia effettivamente acquistato init.ai in quanto la stessa Apple non ha rilasciato nessuna conferma a riguardo.

[Via]

[amazon_link asins=’8871922298,8871925939,8850333978′ template=’ProductCarousel’ store=’mrapple0a-21′ marketplace=’IT’ link_id=’26f73c56-b018-11e7-a886-3fb7c649c7a8′]

Articoli Suggeriti

Offerte Amazon di Mr.Apple: gli sconti del giorno ... Amazon è il migliore, attualmente, e-commerce online attraverso il quale, ogni giorno, è possibile acquistare prodotti di marca a prezzi imbattibili. ...
Offerte Amazon di Mr.Apple: le offerte del giorno... Amazon è il migliore, attualmente, e-commerce online attraverso il quale, ogni giorno, è possibile acquistare prodotti di marca a prezzi imbattibili....
Offerte amazon di Mr.Apple: le offerte del giorno ... Amazon è il migliore, attualmente, e-commerce online attraverso il quale, ogni giorno, è possibile acquistare prodotti di marca a prezzi imbattibili....
Ehi Siri, parlaci dei nuovi Airpods 2.. vale la pe... Tutto ebbe inizio l'anno scorso quando Apple presentò l'Airpower. Ci ingannò con lo spot di inizio evento in cui una ragazza evocava Siri dicendo, pe...
Come installare HomeBridge su macOS Dopo aver installato HomeBrew e nodejs, siamo finalmente giunti alla guida su come installare HomeBridge su macOS.Nei due precedenti articoli...
It’s Show Time: Apple va in scena con nuovi ... L'evento Apple si è ufficialmente concluso ed eccoci qui con le nostre riflessioni. Nel nostro articolo di qualche giorno fa parlammo di come Apple s...