FireStick Tv: come estendere il vostro desktop sulla tv

Il FireStick Tv di Amazon è un minicomputer, con un micro sistema operativo, che permette ad un utente di poter usufruire dell’offerta digitale di Amazon, Prime Video. Ma anche di tutto il panorama di offerte di altri soggetti, quali NowTv, Netflix et similia. Nello store italiano trovate la basic edition in offerta a 39,99 €, senza supporto ad Alexa, nello store USA si trova anche la versione con Alexa integrato.

FireStick Tv 2

Dispone di un comodo telecomando mediante il quale si può scegliere il tipo di applicazione. Dal browser web (Silk o Firefox) a YouTube, Spotify e altre ancora. Non solo. Il telecomando permette, ovviamente, di configurare il dispositivo, l’accesso alla rete, il parental control…

Un problema di questi streamer video e audio è che non è possibile estendere il desktop. Ossia ampliare l’area di lavoro, come si fa di solito collegando un monitor via cavo attraverso miniDisplayPort, o usb-c, vga etc etc. Questo nonostante la possibilità di condividere da Mac, o altro dispositivo atto allo scopo, video, audio, schede singole del browser o lo schermo in mirroring (ovvero duplicare il desktop su un altro display).

In teoria anche il FireStick Tv soffre di questa problematica. Ma esiste un escamotage che ci permette di aggirare il problema.

FIRESTICK TV: COME ESTENDERE IL VOSTRO DESKTOP SULLA TV

La soluzione è nascosta nel supporto AirPlay del vostro Mac. Vediamo come.

  1. Una volta acquistato e ricevuto il Fire Stick Tv, collegatelo a una presa HDMI sulla vostra TV.
  2. Effettuate la registrazione con il vostro account Amazon.
  3. Ora entrate su Amazon da un qualunque dispositivo utile, e cercate l’applicazione AirReceiver di 龙方儿, e selezionate “Invia a Fire Stick Tv di ….”.
  4. acquistatela cliccando sul pulsante “Consegnare”.
  5. Avviate l’app sul Fire Stick Tv.
  6. Tornate al vostro Mac e dovreste visualizzare l’opzione AirPlay attiva. A quel punto attivatela e estendete pure il vostro Desktop.
FireStick TV 4

Ci tengo a precisare che, a seconda della potenza della vostra rete Wi-Fi, la trasmissione può essere un poco più lenta di una normale connessione via cavo. Ma lo scopo non è quello di condividere audio o video, piuttosto quello di avere una più ampia area di visualizzazione documenti, per esempio, o ingrandire una parte di un progetto o di uno studio.

Buon lavoro e buona visione.

[Via]

Articoli Suggeriti

Voice Memos: ecco come utilizzare il reboot della ... Oggi si parla di Voice Memos.  Le nuove potenti funzionalità di iOS 12 la rendono molto più di un semplice modo per registrare spezzoni di frasi....
Password su iPhone: quante ne abbiamo? Sin da quando sono stati presentati i primi smartphone le password non sono mai mancate. La parola chiave, che essa sia numerica o alfanumerica, in qu...
Nascondere l’anteprima degli screenshot in i... Con iOS 11 le novità introdotte sono state davvero tante. Vi abbiamo parlato di come modificare il dock su iPad o come sfruttare il lettore di qr code...
File di configurazione di homebridge: scopriamolo ... Nello scorso articolo, abbiamo visto come creare uno script per avviare il servizio alla ripartenza del nostro Mac. Ora capiamo insieme il file di co...
Come condividere la rete wifi in iOS 11 con gli os... Da quando è uscito iOS 11 non ci siamo fermati un secondo per permettervi di avere una panoramica chiara e precisa. Vi abbiamo parlato di come visuali...
Come disabilitare l’autoplay nei video dell&... Con iOS 11, il nuovo sistema operativo realizzato da apple per i nuovi iPhone e iPad, Apple ha introdotto tantissime novità. La sezione che ha riscont...