App Recensioni

iDatabase per iOS: il database a portata di dito – Recensione

Giugno 5, 2019 3 min read

iDatabase per iOS: il database a portata di dito – Recensione

Reading Time: 3 minutes

iDatabase per iOS è la controparte per i dispotivi mobili dell’applicazione per Mac. Porta con sé molte delle funzioni del suo fratello maggiore. Questa è la nostra recensione.

iDatabase per iOS

Qualche giorno fa, abbiamo avuto modo di parlarvi dell’applicazione iDatabase per macOS: un database versatile e molto semplice nel suo utilizzo.

Ma Apimac, la società sviluppatrice, ha messo a disposizione anche la sua controparte per i nostri iDevices: iDatabase per iOS.

‎iDatabase
‎iDatabase
Developer: Apimac
Price: 1,09 €

Caratteristiche di iDatabase per iOS

La versione mobile, compatibile sia per iPhone che per iPad, mantiene molte delle funzionalità che sono presenti nella versione per dispositivi fissi.

Dall’applicazione, infatti, avremo la possibilità di creare dei nuovi database: come per la versione macOS, potremo scegliere di utilizzare i templati precaricati oppure scegliere di crearne uno ex-novo, impostando i campi in base alle proprie esigenze.

iDatabase per iOS

Altresì, tutti i dati inseriti potranno essere modificati a piacimento, esattamente come accade per la versione desktop.

Fondamentale, per avere una esperienza d’uso corretta è quella di uno schermo generoso: anche se è possibile utilizzare la modalità landscape, uno schermo che non sia di adeguate dimensioni, crea difficoltà sopprattutto se volessimo effettuare svariate modifiche ai campi o creare dei nuovi DB.

Su un iPhone Xs Max, le attività vengono svolte molto facilmenti, ma sicuramente su un iPad l’utilizzo dell’applicazione risulta essere notevolmente agevolato.

La sincronizzazione dei dati, come già visto, non supporta iCloud. Dovremo quindi scegliere di utilizzare o la sincronizzazione Wi-Fi oppure tramite Dropbox.

iDatabase per iOS

Noi di Mr.Apple vi consigliamo di utilizzare quella di Dropbox. Questo per due motivi di fondo:

  • l’utilizzo di Dropbox ci evita di dover sempre essere connessi alla stessa rete del Mac per sincronizzare i dati;
  • i tempi di sincronizzazione risultano essere più veloci.

E’ doveroso precisare che l’utilizzo di Dropbox non si configura propriamente come una sincronizzazione, ma come un backup dei dati.

Questo vuol dire che per aggiornare i dati di iDatabase per iOS (e ovviamente anche su macOS) dovremo effettuare ogni volta un backup e un ripristino dei dati.

Differenze con la versione desktop

La versione per macOS e quelle di iOS non si differenziano molto.

A parte la grafica, infatti, manca solo la gestione dei gruppi e dei gruppi smart: questa funnzionalità, infatti, è totalmente assente sui dispositivi mobili.

Non sarà possibile, quindi, né creare nuovi gruppi né visualizzare quelli creati su macOS: data l’utilità dei gruppi, speriamo che Apimac provveda ad inserirli anche su iOS, almeno in sola lettura.

Conclusioni

L’applicazione, come la sua versione per macOS, è sicuramente molto valida. Facile da utilizzare e molto versatile.

Da il meglio di sé, ovviamente, in combinata con la versione desktop: ma può essere tranquillamente utilizzata unicamente su un dispositivo mobile, al netto delle considerazioni fatte per lo schermo.

Ve la consigliamo? Se volete un database a porta di mano, senza fronzoli inutili e che sia utilizzabile fin da subito senza nessuna curva di apprendimento, allora iDatabase per iOS fa al caso vostro.

Vi ricordo che l’applicazione è scaricabile da App Store ed ha un costo di 4,49€.

‎iDatabase
‎iDatabase
Developer: Apimac
Price: 1,09 €

Vi ricordo anche di seguirci sul nostro blog e sui nostri canali social per non perdere nessuna recensione e nessuna news.

Sistemista Unix. Appassionato di tecnologia. Amante della domotica. Datemi Siri e vi controllerò la casa!

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami