Mr.Apple

Guide Homekit

Hub o Bridge Homekit? Facciamo un po di chiarezza

Reading Time: 4 minutes Dopo aver letto in ogni forum errori su errori è arrivato il momento di fare chiarezza. Hub o bridge Homekit? Tutto quel che c'è da sapereApr 22, 2021 4 min

Hub o Bridge Homekit? Facciamo un po di chiarezza

Reading Time: 4 minutes

Il mondo della smart home è in continuo sviluppo, questo è risaputo. Più passano i mesi e maggiori sono le novità che vengono lentamente implementate. Sin dal principio però Apple ci ha abituato a due termini che nella quotidianità di chi mette mano alla propria casa smart incontra. In questo articolo, dunque, faremo un po di chiarezza su cosa siano gli Hub o Bridge homekit e perché questi siano importanti per una buona implementazione.

Hub o Bridge Homekit

Dopo aver visto, dunque, svariate discussioni confusionarie sul perché scegliere un bridge al posto di un hub eccoci arrivati dunque allo scontro finale. Scontro che non ha in realtà ne vincitori ne vinti perché entrambi gli accessori sono utili e indispensabili. Prima però facciamo una piccola premessa.

Cosa è Homekit?

Capiamo benissimo che se siete arrivati a questo punto, se avete cliccato su questo link, allora saprete certamente di che si tratta. Ad ogni modo una piccola delucidazione non può che far bene. Homekit altro non è che un sistema realizzato da Apple che dal 2019 è entrato a far parte del CHIP ( uno standard che raggruppa i principali sistemi per la smart home come Alexa, Google e Zigbee). Dunque Homekit altro non è che framework software di Apple, reso disponibile disponibile su tutti i dispositivi Apple, che consente agli utenti di configurare, comunicare e controllare elettrodomestici intelligenti utilizzando dispositivi Apple. Di seguito vi elenchiamo alcune delle nostre recensioni sui prodotti Homekit da noi testati:

Detto ciò, possiamo fare l’ultima osservazione. Tutti gli accessori Homekit hanno bisogno di una certificazione specifica e tutti si interfacciano con questo sistema attraverso il Wifi, BLE e via dicendo. Per funzionare tutto al meglio un sistema che si rispetti ha bisogno di un Hub e di uno o più Bridge. Dunque Hub o Bridge Homekit non devono stare mai nella stessa domanda di indagine.

Hai dubbi o perplessità sul mondo Homekit? Vuoi far parte della prima Community Italiana sul mondo della domotica secondo Apple? Ecco a te la soluzione:

Homekit Italia Telegram By Mr.Apple

Hub o Bridge Homekit? Facciamo chiarezza

Si, si, Homekit è bellissimo, ma ancora non è stato spiegato quale sia la differenza tra questi due tipologie di prodotti. Reggetevi forte, si parte.

Hub

Hub Homekit

Apple si riferisce sia alla AppleTV che all’HomePod come a un hub e sono necessari se si vuole avere il controllo remoto della propria casa smart, o per far funzionare le automazioni. Anche l’iPad viene considerato Hub ma a causa del risparmio energetico, essendo un dispositivo prevalentemente “mobile” tende a non prestarsi in particolare modo per questo utilizzo. L’hub è collegato tramite il vostro account iCloud e agisce come un dispositivo sempre attivo. Questo è ciò che permette alle vostre automazioni di funzionare quando siete fuori casa, e anche come una sorta di tunnel per l’accesso remoto.

È giusto sapere che molti prodotti compatibili con homekit permettono, mediante la propria applicazione, di controllare i propri dispositivi in remoto. Un chiaro esempio è il bridge di Philips Hue con tutti i prodotti Hue (principalmente lampadine). Riuscirete a controllare questi dispositivi senza problemi in remoto ma nel momento in cui vorrete gestire tutto con l’applicazione Casa e Siri (e dunque Homekit) non riuscirete a causa dell’assenza di Hub.

Bridge

Bridge Homekit

Vi abbiamo fatto un piccolo spoiler nel paragrafo precedente. Un bridge è un dispositivo che collega un protocollo di comunicazione proprietario con HomeKit. Per esempio Philips Hue utilizza il protocollo Zigbee per controllare l’illuminazione. Un dispositivo iOS non ha una radio Zigbee, quindi per essere in grado di comunicare tra loro, il bridge Hue funziona come se fosse un traduttore. Anche altre aziende, come ad esempio Tado, hanno bisogno di un Bridge per consentire tale controllo. Tecnicamente, il bridge è l’unico prodotto certificato HomeKit da questi fornitori.

Altri produttori, come Elgato, hanno scelto di utilizzare il Bluetooth e/o il Wi-Fi ( e solo recentemente la tecnologia Thread) come protocollo di comunicazione e poiché questi sono presenti sui dispositivi iOS non necessitano di un bridge (a volte nel linguaggio del marketing indicato anche come hub, ma questo crea solo confusione per chi è nuovo del settore). Tuttavia, avrete ancora bisogno di una AppleTV o HomePod se volete impostare automazioni e accedere da remoto.

In termini di scelta tra gli accessori che richiedono un Bridge e quelli con una connessione diretta, nella mia esperienza ho optato per gli accessori con Bridge, principalmente per non avere molte connessioni Wi-Fi e Bluetooth separate.

Se dopo questo articolo continuate ad avere dubbi non esitate a lasciarci un commento proprio qui sotto. Se invece avete domande più generiche sul mondo Homekit visitate la nostra Community italiana sul mondo Homekit.

0 0 votes
Article Rating

Amante della Mela sin da quando ha avuto modo di mettere mano sul primo iPod. In seguito, dopo aver conseguito studi classici, ha iniziato a studiare Informatica sia all'università che da autodidatta e ha sempre lavorato in ambito prettamente informatico. Appassionato di Rumors, Notizie e recensore di App e Accessori tecnologici. Beta Tester all'occorrenza.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x